Osservatorio Buone Pratiche

L'Osservatorio Buone Pratiche per la Sicurezza dei Pazienti, istituito per l'esercizio della funzione di monitoraggio delle buone pratiche, attribuita all'Agenas da una Intesa tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome, ha avviato le sue attività nel febbraio 2008 con il lancio della prima call for good practice rivolta agli assessorati alla sanità affinché coordinassero la raccolta degli interventi realizzati dalle strutture sanitarie di ogni regione per accrescere la sicurezza dei pazienti e delle cure.

Le Call for Good Practice, realizzate con cadenza annuale sin dal 2008, in collaborazione con il Ministero della Salute e il Comitato Tecnico delle Regioni e P.A. per la gestione del Rischio Clinico e la Sicurezza del Paziente, costituiscono lo strumento per l'individuazione e la raccolta degli interventi di miglioramento della sicurezza dei pazienti attuati dalle Regioni, dalle Organizzazioni Sanitarie e dai Professionisti, nell'ambito della cornice metodologica del "ciclo delle buone pratiche".
Il ciclo delle buone pratiche
Ciclo delle buone pratiche

L'obiettivo finale dell'Osservatorio consiste nel favorire il trasferimento delle esperienze facilitando l'accesso alle informazioni, sostenendo lo scambio di conoscenze e promuovendo l'integrazione e l'interazione tra le Regioni, le Organizzazioni Sanitarie e i Professionisti.
Ulteriore e fondamentale obiettivo dell'Osservatorio consiste nella la possibilità di informare il cittadino/paziente in merito alle le iniziative attivate per il governo del rischio clinico dalle organizzazioni sanitarie del territorio nazionale.

L'approccio metodologico dell'Osservatorio si inserisce nell'ambito delle teorie del trasferimento della conoscenza (Argote 2000), dell'innovazione in sanità (Berwick, 2003 - IOM, 2001), della diffusione dell'innovazione (Rogers, 1995), del knowledge network (Nakata 2005), con particolare riferimento alla "no blame culture" (Berwick, 1989) in un'ottica di miglioramento di sistema (Reason, 2000).
Costituiscono fondamentali riferimenti per le attività dell'Osservatorio Buone Pratiche le Direttive e le Raccomandazioni emanate a livello europeo e a livello di governo nazionale.

In tale cornice metodologica l’Osservatorio si propone di contribuire alla diffusione dell’innovazione già introdotta nella pratica clinica e assistenziale mettendo in atto azioni e sperimentando strumenti che operino per “facilitare” la diffusione delle iniziative, ”amplificare” la circolazione delle informazioni e “catalizzare” il processo di trasferimento delle esperienze.

L’Osservatorio, in linea con le indicazioni internazionali (linee guida SQUIRE per la presentazione dei progetti di miglioramento della qualità - www.squire-statement.org) ha sviluppato e condiviso con le Regioni e P.A. un formato standard per la rappresentazione delle esperienze a cui, a partire dal 2009, è stato annesso uno strumento informatico atto a supportare i professionisti nella determinazione del costo sostenuto per la realizzazione degli interventi.