Call for Good Practices 2019

La Call for Good Practice rappresenta il principale strumento, condiviso con le Regioni e Province Autonome, per l’individuazione di misure per la prevenzione e gestione del rischio.

In continuità con la precedente edizione, la Call 2019 intende promuovere la segnalazione, in particolare, di interventi in linea con una delle 3 aree su cui è incentrata la Sfida Globale per la sicurezza dell’OMS (Medication without harm). Particolare attenzione verrà, inoltre, prestata agli interventi volti a prevenire l’antibiotico resistenza e le infezioni correlate all’assistenza.

La Call for Good Practice 2019 si aprirà il 1 luglio 2019 e sarà possibile inserire le pratiche fino al 30 settembre 2019. Le Regioni potranno procedere all'analisi e alla validazione delle esperienze fino al 7 ottobre 2019.

Il database delle buone pratiche


 Elenco delle esperienze
In questa sezione è possibile consultare 10 tra le esperienze inviate all'Osservatorio Buone Pratiche, tramite il coordinamento delle Regioni e Province autonome, in risposta all'ultima Call for Good Practice ed accedere alla pagina di ricerca delle esperienze inserite dal 2008 ad oggi dal seguente collegamento  RICERCA NEL DATABASE
AnnoRegioneAziendaEsperienzaStrumenti
2018 TOSCANA FONDAZIONE CNR-RT G. MONASTERIO Cardiac Children's Hospital Early Warning Score CHEWS          
2018 PUGLIA ASL BT PROCEDURA PER LA GESTIONE DEL PAZIENTE PEDIATRICO CON SOSPETTA APPENDICITE ACUTA          
2018 VENETO AZIENDA ULSS N.2 MARCA TREVIGIANA Prevenzione delle cadute in Pronto Soccorso e in Radiologia: il coinvolgimento attivo dell’utente e la comunicazione efficace tra setting          
2018 EMILIA ROMAGNA AZIENDA USL REGGIO EMILIA Movimentazione Sicura del Paziente          
2018 TOSCANA AZIENDA OSPEDALIERA MEYER Prevenzione errori da incompatibilità ABO          
2018 VENETO I.R.C.C.S. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Gruppi oncologici multidisciplinari          
2018 LIGURIA SAVONESE GESTIONE DEL TRAUMA CRANICO NELL’ADULTO          
2018 TOSCANA SPEDALI RIUNITI Rischio Clinico e Fattore Umano con la Customer Experience - UNI ISO          
2018 EMILIA ROMAGNA AZIENDA USL PIACENZA PREVENZIONE VIOLENZA A DANNO DI OPERATORI: la sicurezza nelle strutture psichiatriche          
2018 LIGURIA CHIAVARESE Implementazione della metodologia FMEA in ASL4 Liguria          
2018 TOSCANA AZ. OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA CAREGGI Sistema integrato di segnalazione e gestione degli atti di violenza verso gli operatori nell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi          
2018 TOSCANA FONDAZIONE CNR-RT G. MONASTERIO La check list chirurgica per il miglioramento della sicurezza del paziente cardiochirurgico          

Area riservata

Per accedere all'area riservata dell'Osservatorio delle Buone Pratiche, è necessario indicare Username e Password, e premere il pulsante Accedi.




 Richiedi le credenziali di accesso.
 Password dimenticata?.

Monitoraggio delle raccomandazioni

Il monitoraggio dell’implementazione delle raccomandazioni per la prevenzione degli eventi sentinella è informato alla metodologia promossa dall’Osservatorio Buone Pratiche per la Sicurezza dei Pazienti dell’Agenas.

Gli Eventi Sentinella sono considerati per la loro gravità ed il loro significato un problema prioritario per la sicurezza dei pazienti, con importanti ripercussioni sulle organizzazioni sanitarie, sui professionisti e sulle amministrazioni locali e regionali.

Continua »

L'Osservatorio

L'Osservatorio Buone Pratiche per la Sicurezza dei Pazienti, istituito per l'esercizio della funzione di monitoraggio delle buone pratiche, attribuita all'Agenas da una Intesa tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome, ha avviato le sue attività nel febbraio 2008 con il lancio della prima call for good practice rivolta agli assessorati alla sanità affinché coordinassero la raccolta degli interventi realizzati dalle strutture sanitarie di ogni regione per accrescere la sicurezza dei pazienti e delle cure.

Continua »