Call for Good Practices 2018

In continuità con le edizioni precedenti, l’Osservatorio Buone Pratiche intende favorire la conoscenza delle pratiche per la sicurezza fondate su forti evidenze scientifiche e promuoverne l’adozione diffusa a livello nazionale.

Nel corso della Call 2017, particolare attenzione verrà prestata alle pratiche riguardanti l’implementazione di sistemi di rilevazione degli eventi avversi e dei quasi – eventi (Incident reporting) e, in linea con le indicazioni internazionali e con la programmazione di livello nazionale, verrà ancora mantenuto l’interesse alla raccolta di esperienze di miglioramento della Sicurezza del Percorso Nascita.

La Call for Good Practice 2018 si aprirà il 6 Agosto 2018 e sarà possibile inserire le pratiche fino al 21 Ottobre 2018. Le Regioni potranno procedere all'analisi e alla validazione delle esperienze fino al 31 ottobre 2018.

Il database delle buone pratiche


 Elenco delle esperienze
In questa sezione è possibile consultare 10 tra le esperienze inviate all'Osservatorio Buone Pratiche, tramite il coordinamento delle Regioni e Province autonome, in risposta all'ultima Call for Good Practice ed accedere alla pagina di ricerca delle esperienze inserite dal 2008 ad oggi dal seguente collegamento  RICERCA NEL DATABASE
AnnoRegioneAziendaEsperienzaStrumenti
2018 TOSCANA FONDAZIONE CNR-RT G. MONASTERIO Cardiac Children's Hospital Early Warning Score CHEWS          
2018 VENETO AZIENDA ULSS N.4 VENETO ORIENTALE "Chiedimi come mi chiamo perchè il nome non è solo un nome": il ruolo attivo del paziente nel processo di identificazione          
2018 TOSCANA AZIENDA OSPEDALIERA MEYER Prevenzione errori dovuti ad interruzioni          
2018 TOSCANA AZIENDA USL TOSCANA CENTRO Intercettazione e gestione precoce del Delirium          
2018 EMILIA ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA-UNIVERSITARIA DI MODENA strategie di screening CPE basate sui risultati dello studio di prevalenza annuale sulle colonizzazioni da germi resistenti ai Carbapenemi          
2018 VENETO AZIENDA ULSS N.8 BERICA STANDARDIZZAZIONE DELLA MODALITA’ DI PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PRESSO IL REPARTO DI TERAPIA INTENSIVA NEONATALE DELL’OSPEDALE SAN BORTOLO DI VICENZA          
2018 EMILIA ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA-UNIVERSITARIA DI MODENA eradicazione Acinetobacter baumanii resistente ai carbapenemi dalle terapie intensive          
2018 CAMPANIA A.S.L. NAPOLI 2 NORD PDT pediatrici in Pronto Soccorso di Ospedale Generalista          
2018 PUGLIA ASL BAT PROTOCOLLO CONDIVISO ORL-ANESTESIA PER LA SLEEP ENDOSCOPY          
2018 TOSCANA AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA PISANA Prevenzione e gestione della distocia di spalla          
2018 PUGLIA ASL BT GESTIONE DEL NEONATO A RISCHIO DI SEPSI PRECOCE DA STREPTOCOCCO BETA EMOLITICO GRUPPO B          
2018 TOSCANA AZIENDA OSPEDALIERA MEYER Prevenzione errori da incompatibilità ABO          

Area riservata

Per accedere all'area riservata dell'Osservatorio delle Buone Pratiche, è necessario indicare Username e Password, e premere il pulsante Accedi.




 Richiedi le credenziali di accesso.
 Password dimenticata?.

Monitoraggio delle raccomandazioni

Il monitoraggio dell’implementazione delle raccomandazioni per la prevenzione degli eventi sentinella è informato alla metodologia promossa dall’Osservatorio Buone Pratiche per la Sicurezza dei Pazienti dell’Agenas.

Gli Eventi Sentinella sono considerati per la loro gravità ed il loro significato un problema prioritario per la sicurezza dei pazienti, con importanti ripercussioni sulle organizzazioni sanitarie, sui professionisti e sulle amministrazioni locali e regionali.

Continua »

L'Osservatorio

L'Osservatorio Buone Pratiche per la Sicurezza dei Pazienti, istituito per l'esercizio della funzione di monitoraggio delle buone pratiche, attribuita all'Agenas da una Intesa tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome, ha avviato le sue attività nel febbraio 2008 con il lancio della prima call for good practice rivolta agli assessorati alla sanità affinché coordinassero la raccolta degli interventi realizzati dalle strutture sanitarie di ogni regione per accrescere la sicurezza dei pazienti e delle cure.

Continua »