Call for Good Practices 2017

In continuità con le edizioni precedenti, l’Osservatorio Buone Pratiche intende favorire la conoscenza delle pratiche per la sicurezza fondate su forti evidenze scientifiche e promuoverne l’adozione diffusa a livello nazionale.

Nel corso della Call 2017, particolare attenzione verrà prestata alle pratiche riguardanti l’implementazione di sistemi di rilevazione degli eventi avversi e dei quasi – eventi (Incident reporting) e, in linea con le indicazioni internazionali e con la programmazione di livello nazionale, verrà ancora mantenuto l’interesse alla raccolta di esperienze di miglioramento della Sicurezza del Percorso Nascita.

La Call for Good Practice 2017 si aprirà il 19 giugno 2017 e sarà possibile inserire le pratiche fino al 30 novembre 2017. Le Regioni potranno procedere all'analisi e alla validazione delle esperienze fino al 15 dicembre 2017.

Il database delle buone pratiche


 Elenco delle esperienze
In questa sezione è possibile consultare 10 tra le esperienze inviate all'Osservatorio Buone Pratiche, tramite il coordinamento delle Regioni e Province autonome, in risposta all'ultima Call for Good Practice ed accedere alla pagina di ricerca delle esperienze inserite dal 2008 ad oggi dal seguente collegamento  RICERCA NEL DATABASE
AnnoRegioneAziendaEsperienzaStrumenti
2016 VENETO LEGNAGO SICUREZZA DEL PERCORSO NASCITA        
2016 LAZIO RM/E QUALITA’ E SICUREZZA DELLE CURE: riprogettazione del percorso logistico del paziente nel pronto soccorso quale strumento di contenimento del rischio.        
2016 TOSCANA PRATO Prevenzione e gestione della emorragia postpartum in Ostetricia e Ginecologia        
2016 EMILIA ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA DI PARMA Morbilità psichiatrica dei pazienti e sicurezza: il linkage di un nuovo flusso informativo per l'analisi e la gestione dei rischi     i    
2016 VENETO Azienda ULSS 9 TREVISO Scheda strutturata giornaliera per il passaggio delle informazioni infermieristiche        
2016 TOSCANA PRATO Le mani pulite     i    
2016 LIGURIA AZ.OSPEDALIERA UNIVERSITARIA S.MARTINO Costruzione di uno score per la predizione del rischio di LRTI nei pazienti ricoverati nei reparti di area medica dell’IRCCS AOU San Martino – IST di Genova        
2016 P.A. BOLZANO OSPEDALE CENTRALE DI BOLZANO Gestione multiprofessionale del rischio clinico in anestesia e sala operatoria: proseguimento del progetto avviato nel 2013 Dai focus group alla discussione dei casi e all'analisi proattiva con il metodo HFMEA        
2016 TOSCANA AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA PISANA Adozione MEWS per individuazione e gestione organizzativa del paziente critico        
2016 PUGLIA ASL BAT ASL BT: USO DI FORMALDEIDE PER LA FISSAZIONE DI MATERIALE BIOLOGICO        
2016 TOSCANA VERSILIA La scheda terapeutica unica ambulatoriale        
2016 TOSCANA PRATO Prevenzione e gestione della distocia di spalla in Ostetricia e Ginecologia        

Area riservata

Per accedere all'area riservata dell'Osservatorio delle Buone Pratiche, è necessario indicare Username e Password, e premere il pulsante Accedi.




 Richiedi le credenziali di accesso.
 Password dimenticata?.

Monitoraggio delle raccomandazioni

Il monitoraggio dell’implementazione delle raccomandazioni per la prevenzione degli eventi sentinella è informato alla metodologia promossa dall’Osservatorio Buone Pratiche per la Sicurezza dei Pazienti dell’Agenas.

Gli Eventi Sentinella sono considerati per la loro gravità ed il loro significato un problema prioritario per la sicurezza dei pazienti, con importanti ripercussioni sulle organizzazioni sanitarie, sui professionisti e sulle amministrazioni locali e regionali.

Continua »

L'Osservatorio

L'Osservatorio Buone Pratiche per la Sicurezza dei Pazienti, istituito per l'esercizio della funzione di monitoraggio delle buone pratiche, attribuita all'Agenas da una Intesa tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome, ha avviato le sue attività nel febbraio 2008 con il lancio della prima call for good practice rivolta agli assessorati alla sanità affinché coordinassero la raccolta degli interventi realizzati dalle strutture sanitarie di ogni regione per accrescere la sicurezza dei pazienti e delle cure.

Continua »